Strategie per i contenuti

22 gennaio 2009

Questa è la traduzione dell’articolo The Discipline of Content Strategy di Kristina Halvorson pubblicato originariamente su A List Apart il 16 Dicembre 2008. La traduzione viene qui presentata con il consenso dell’editore e dell’autore.

Noi, persone che facciamo siti web, discutiamo da quindici anni di usabilità, architettura dell’informazione, CMS, codice, metadati, design visuale, ricerca sugli utenti e di tutte le altre discipline che facilitano il modo in cui i nostri utenti possono trovare e consumare dei contenuti.

Stranamente, però, non abbiamo discusso troppo della cosa fondamentale. Non abbiamo mai discusso tanto dei contenuto in sé.

Sì, sappiamo come scrivere per chi legge online. Ma chi tra noi si sta ponendo domande complesse e importanti sui contenuti come “Qual è il punto?” oppure “A chi interessa?”. Chi sta parlando di un attività tanto dispendiosa in termini di tempo, complicata e spesso confusa come il processo di sviluppo dei contenuti? Chi sta sottovalutando la cura di cui necessitano i contenuti una volta che sono lì fuori sul web, magari a intasare i tubi e abbassare i livelli dei nostri motori di ricerca?

Come parte di una comunità, siamo piuttosto tranquilli su una cosa come i contenuti. Sembra che silenziosamente siamo tutti arrivati alla concusione che i contenuti siano il problema di qualcun’altro: “può farlo il cliente”, “saranno gli utenti a generarle i contenuti” ci diciamo. Così, noi, persone che facciamo siti web, non dobbiamo preoccuparcene.

Pensate allora che sia una coincidenza se la maggior parte dei contenuti sul web siano spazzatura?

Occuparsi di contenuti è complicato, fastidioso, fa sprecare tempo. Eppure, il web è tutto nei contenuti. I contenuti sono il web. Meritano il nostro tempo e la nostra attenzione.

Ecco dove serve, allora, una strategia per i contenuti.

Cos’è una strategia per i contenuti?

Una strategia per i contenuti consiste nel pianificare la creazione, la pubblicazione, la gestione di contenuti utili e usabili.

Necessariamente, una strategia per i contenuti deve funzionare per definire non soltanto quali contenuti saranno pubblicati, ma perché vengono pubblicati.

Altrimenti non è una strategia: è solo una linea di produzione per contenuti di cui nessuno ha realmente bisogno o che nessuno vuole (date un’occhiata al CMS della vostra azienda…).

Una strategia per i contenuti è anche un prodotto chiave di cui dovrebbe occuparsi come responsabile un professionista dei contenuti. Il suo sviluppo è necessariamente preceduto da un’analisi accurata dei contenuti esistenti, un processo critico e importante che è spesso saltato del tutto dai team che lavorano ad un progetto.

Idealmente, una strategia per i contenuti definisce:

  • i temi e i messaggi chiave;
  • gli argomenti raccomandati;
  • lo scopo dei contenuti (per esempio, in che modo i contenuti riempiranno gli spazi tra i bisogni del pubblico e le esigenze del nostro business);
  • un’analisi delle manchevolezze dei contenuti;
  • framework di metadati e attributi per i contenuti correlati;
  • ottimizzazione per i motori di ricerca;
  • raccomandazioni sulla creazione, pubblicazione e gestione dei contenuti.

C’è ancora qualcosa da dire…

Nel suo straordinario articolo Content Strategy: the Philosophy of Data, Rachel Lovinger ha detto:

L’obbiettivo principale di una strategia per i contenuti è quello di usare parole e dati per creare contenuti non ambigui che supportano esperienze significative e interattive. Dobbiamo essere esperti in tutti gli aspetti della comunicazione per raggiungere questo obbiettivo.

È qualcosa di arduo. Vorrei infatti far notare che ci sono fin troppi “aspetti della comunicazione” perché un esperto di strategie per i contenuti possa padroneggiarli approfonditamente tutti.

Se vuoi aggiornamenti su Strategie per i contenuti inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Strategie per i contenuti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy