PHP Conference 2010: cosa si è visto

22 ottobre 2010

HTML.it ha seguito la International PHP Conference 2010 di Mainz. Ecco un resoconto delle giornate a cura di Daniel Londero.

L’International PHP Conference è la conferenza internazionale di riferimento per il panorama PHP a livello europeo svoltasi la scorsa settimana a Mainz, in Germania. Arrivata alla decima edizione ha potuto contare su 36 speaker e 280 partecipanti da 15 diversi paesi. La conferenza si è sviluppata su tre giorni di sessioni: quest’anno sono 45 per oltre 2500 minuti, più un giorno dedicato interamente a 6 workshop. Questi numeri salgono rispettivamente a 101 e oltre 6000 se si considera anche quanto offerto dalla WebTechConference (evento parallelo e liberamente fruibile da chi iscritto alla phpConference). WebTechConference farà la sua prima apparizione in Italia il 9 ed il 10 novembre grazie a Software & Support Media, l’azienda responsabile tra le altre dell’organizzazione della stessa phpConference.

Il numero di partecipanti e i nomi delle aziende presenti testimoniano l’alta qualità offerta dalla conferenza in tutti i suoi aspetti: session, location, connettività, catering, gadget… Va ricordato che stiamo parlando di un evento a pagamento che, per l’intera durata, ha un costo di circa 800€ per il biglietto standard (assieme al quale il partecipante riceve un netbook in regalo). Sicuramente tale costo sarebbe di molto superiore senza il contributo di circa 20 sponsor a vari livelli di contribuzione.

Parlando di aziende presenti vediamone alcune che sicuramente tutti conoscono: Oracle, Yahoo!, Zend Technologies, Microsoft. Altre invece potrebbero essere note solo agli addetti ai lavori: Ibuildings, Mayflower, Liip AG, thePHP.cc. Quest’ultima vede al suo interno un certo Sebastian Bergmann l’autore, tra le altre cose, di PHPUnit che attualmente è lo standard de-facto per quanto riguarda il testing di applicazioni PHP.

Per chi non avesse mai sentito parlare dell’International PHP Conference va fatta una precisazione riguardo al suo orientamento: non si tratta di una fiera in cui le aziende presentano i propri prodotti e servizi (per questo hanno degli stand appositi), ma dell’incontro delle persone più influenti del panorama internazionale di PHP pronte a condividere la propria esperienza su argomenti di interesse generale e spesso relativi a novità del settore.

Oltre ad analizzare tecnologie emergenti (HTML5, NoSQL, REST) si dedica ampio spazio alla diffusione delle best practice (testing, refactoring, metodologie agili) e della ricerca della qualità per i propri progetti. Si parla quindi di come migliorare il proprio modo di lavorare e, per diretta conseguenza, come migliorare la qualità di ciò che si produce.

Organizzare le proprie giornate non è semplice, spesso si vorrebbero seguire due session in contemporanea ma non essendo fisicamente possibile vanno fatte delle scelte. Di seguito le sessioni che abbiamo seguito, con un riassunto degli spunti interessanti che hanno fatto emergere e il link alle slide.

Se vuoi aggiornamenti su PHP Conference 2010: cosa si è visto inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su PHP Conference 2010: cosa si è visto

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy