MySQL nelle Office Suite

9 gennaio 2015

Un impiego comunissimo di MySQL è il supporto alla memorizzazione di dati in software gestionali. Questo scenario si verifica spesso nelle realtà aziendali, luoghi dove il personale dimostra, non di rado, una buona dimestichezza con suite di programmi da ufficio: Microsoft Office in primis, ma anche soluzioni open source come OpenOffice e LibreOffice. Tale coesistenza permette di sviluppare un’ottima sinergia quando i programmi da ufficio vengono usati come client dei database MySQL, permettendo di leggere, modificare e analizzare i dati in essi presenti con gli strumenti cui il personale è già ampiamente abituato.

Questo articolo mostra come la potenza e l’affidabilità di MySQL possano diventare parte integrante del lavoro di ufficio, tramite l’integrazione con le suite di software sopra citate. Per sperimentare quanto mostrato sarà sufficiente avere a disposizione almeno un database con dei dati di prova collocato in un server MySQL, ed i relativi parametri di rete che lo localizzano (indirizzo IP e porta TCP), credenziali di accesso per un profilo valido (username e password) ed il nome del database su cui si vogliono svolgere le operazioni.

Suite da ufficio e connettività

I programmi da ufficio più indicati per l’analisi di dati sono:

  • i gestori di fogli di calcolo: Microsoft Excel, il più comune, ma anche Calc di OpenOffice;
  • i DBMS (gestori di database): Microsoft Access e Base incluso in OpenOffice.

Non sempre essi hanno al loro interno tutti i dati da analizzare, e spesso esprimono il loro valore soprattutto connettendosi a sorgenti remote, disponibili sulla stessa macchina o in Rete.

Modalità estremamente comuni e versatili per l’accesso a sorgenti dati sono ODBC e JDBC, entrambe API universali per l’accesso a sorgenti di dati. Per fare in modo che un programma client possa dialogare con una sorgente dati mediante ODBC o JDBC è necessario utilizzare un driver specifico.

JDBC appartiene al mondo Java, quindi è una soluzione multipiattaforma per vocazione. ODBC è storicamente legato a Windows e largamente utilizzato su questa piattaforma anche se ne esistono implementazioni per altri sistemi operativi.

MySQL offre direttamente driver ODBC e JDBC per la connessione a propri database. Essi prendono il nome di Connector e, oltre che nello sviluppo tramite linguaggi, offrono una comoda modalità per l’ interazione con suite da ufficio.

Prendiamo ad esempio un caso estremamente comune: predisporre una connessione a MySQL via ODBC su Windows.

Per prima cosa si deve scaricare il connettore Connector/ODBC dal sito di MySQL, ed installarlo. L’operazione non presenta in genere alcuna difficoltà, essendo disponibile un pacchetto di installazione .msi.

Al termine della procedura, apriamo il Pannello di Controllo di Windows e nella sezione Strumenti di Amministrazione selezioniamo la voce Origini dati (ODBC).

Per origine dati si intende un insieme di parametri (indirizzi di rete o percorsi locali, credenziali, etc…) che permettono di accedere ad un sistema che gestisce informazioni, nel nostro caso MySQL. L’origine dati verrà contrassegnata da un nome di nostra scelta e sarà visibile nel sistema operativo.

All’interno troveremo alcune origini dati preimpostate, e ne creeremo un’altra per l’accesso ai database MySQL. Sarà sufficiente premere il pulsante Aggiungi… ed inserire nella finestra di dialogo che si aprirà i parametri di accesso.

Tramite l’origine dati appena creata, potremo connetterci a MySQL tramite qualunque software che sia in grado di interagire tramite ODBC. Tra questi software ci sono proprio Access di Microsoft Office, e Base di OpenOffice.

Nel primo caso dovremo creare un nuovo database e nella scheda di menu Dati esterni, cliccando sul pulsante Origine dati ODBC si aprirà una finestra di dialogo che ci chiederà se vorremo importare tabelle da un’origine dati, o creare un collegamento ad esse dall’interno del nostro database Access. In entrambi i casi l’unico dato che ci verrà chiesto sarà il nome di un’origine dati ODBC come quella creata poco fa. In essa saranno già contenute tutte le credenziali di accesso alla vera sorgente dei dati.

In Base di OpenOffice, il funzionamento è il medesimo. Aprendo il programma ci verrà chiesto se si vuole creare un nuovo database o aprirne uno già esistente. Quest’ultima opzione contempla la possibilità di aprirlo mediante una connessione dati e, come presumibile, una delle vie a disposizione è ODBC.

Oltre ad ODBC, in quest’ultimo caso si può utilizzare JDBC. Questa opportunità risulta comoda specialmente fuori da Windows, ed è quindi tipicamente utilizzato con OpenOffice o LibreOffice su Linux.

I programmi per fogli di calcolo possono raggiungere i database MySQL connettendosi autonomamente mediante ODBC o JDBC, oppure sfruttando il collegamento con i DBMS presenti nel proprio pacchetto da ufficio.

Nel caso di Microsoft Excel, uno dei software più usati al mondo per l’analisi dei dati, è stato predisposto un plugin specifico.

Se vuoi aggiornamenti su MySQL nelle Office Suite inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su MySQL nelle Office Suite

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy