Le origini del T-SQL

20 marzo 2006

Nel 1982 l’American National Standards Institute (ANSI) approva una rudimentale versione dello Structured Query Language (SQL) prodotto da IBM per interrogare le basi dati all’interno di un Relational Database Management System (RDBMS). Da allora il linguaggio SQL diventa lo standard per l’interrogazione dei databases universalmente adottato da tutti i produttori.
Nel corso degli anni SQL ha subito varie rivisitazioni ad opera della Comitato SQL dell’ANSI, l’ultima di queste risale al 1996. Ma l’opera di standardizzazione fatta dall’ANSI è molto lenta e burocratica a tal punto che i Databases che escono sul mercato sono indietro di almeno una versione rispetto alle specifiche in uso.

Per questo motivo le società produttrici di Databases per rendere più appetibili i lori prodotti e per aumentarne le performance e le potenzialità di utilizzo cominciano ad aggiungere caratteristiche sempre più avanzate e sofisticate allo standard SQL, ovviamente queste estensioni non sono tra loro compatibili. Anche Microsoft’s per il suo SQL Server crea delle estensioni per potenziare e migliorare il linguaggio SQL Standard nasce così il Transact-SQL o T-SQL.

T-SQL è conforme all’ANSI-92 SQL, ma con numerose caratteristiche in più. Quindi se pensate di lavorare con SQL Server dovete assolutamente conoscere la sintassi e i costrutti del Transact-SQL.

Se vuoi aggiornamenti su Le origini del T-SQL inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Le origini del T-SQL

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy