Dominio di terzo livello con Javascript

20 marzo 2006

*Tratto da un intervento di Xdesign sul forum Html

N.B.: su alcuni server lo script potrebbe non funzionare per via di alcune impostazioni dello spazio stesso.

Supponiamo di gestire un sito suddiviso in molte sezioni indipendenti tra loro: le pagine per i download; il forum; la chat; la mailing list. Nella migliore delle ipotesi, se abbiamo creato una cartella per ogni servizio, avremo degli indirizzi del tipo:

http://www.mio_sito.it/servizi/forum/index.htm
http://www.mio_sito.it/servizi/mailinglist/index.htm
http://www.mio_sito.it/servizi/chat/index.htm

Senza dubbio un lavoro ordinato e coerente ma non proprio semplice da ricordare né veloce da digitare. In queste situazioni, solitamente, è buona regola creare dei domini di terzo livello per favorire gli utenti.

Un dominio di terzo livello (o sottodominio) non è altro che un indirizzo “fittizio” che rimanda automaticamente all’ URL originale ma, rispetto a quest’ultimo, è più breve e facile da tenere a mente.

I “terzo livello” sono strutturati in questa maniera:

http://parola.mio_sito.it

Quindi, se volessimo creare un sottodominio per il nostro forum, avremmo (anzichè http://www.mio_sito.it/servizi/forum/index.htm), un semplice: http://forum.mio_sito.it.

Un metodo sicuramente comodo, soprattutto se gli URL di origine sono molto lunghi. L’altra faccia della medaglia è rappresentata dal fatto che non tutti gli Hoster danno la possibilità di creare dei sottodomini e comunque, anche se fosse consentito, generalmente si tratta di un servizio da attivare a pagamento.

Tuttavia c’è una soluzione gratuita e funzionale realizzabile con javascript. Si tratta pur sempre di un espediente per sostituire un vero dominio di terzo livello ma il risultato è molto originale.

Prima di analizzare il codice è necessaria una breve premessa.

Girovagando per la rete avrete probabilmente notato la presenza del simbolo “@” (chiocciola) in alcuni URL. In questo caso è stato registrato un reale sottodominio con all’interno il carattere chiocciola.

Per quanto ci riguarda, anche se non abbiamo registrato alcun “terzo livello” con tale simbolo, potremmo comunque usare la chiocciola in un nostro indirizzo… ma tutto ciò che la precede non verrebbe interpretato dal browser.

Penso che un esempio chiarificatore valga più di ogni altra spiegazione.

Html.it non ha mai registrato alcun sottodominio del tipo nome@html.it. Provate però a cliccare sui seguenti link:

http://prova@html.it
http://saibal@html.it
http://freephp@html.it

Se vuoi aggiornamenti su Dominio di terzo livello con Javascript inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Dominio di terzo livello con Javascript

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy