Cos’è un CMS?

20 marzo 2006

Basta con le sigle. Ancora un’altra? Cosa vuol dire Cms? Si chiamano Content Management System le applicazioni di gestione dei contenuti dei siti che consentono di inserire, modificare e rendere visibili articoli, banner, immagini e link senza ricorrere a sistemi di sviluppo.

Il percorso storico dei siti

È facile immaginare che i siti di oggi siano molto diversi da quelli dei primi anni del web. Siamo abituati ad una continua evoluzione dell’informatica, di Internet e della telematica e, quindi, senza conoscerne esattamente il percorso, è evidente che ciò che c’era 10 anni fa era diverso da ciò che oggi consideriamo normale. Vogliamo rifare velocemente il percorso che porta dai primi siti a quelli di oggi?

Il sito statico

Nei primi anni del web i siti erano collezioni di pagine statiche tenute assieme dai link incrociati e realizzate da persone che conoscevano l’Html, il linguaggio di produzione dei contenuti. I siti erano creati sulla base di un progetto iniziale e revisionati periodicamente da chi li aveva realizzati. L’evoluzione era fondamentalmente in mano allo sviluppatore che era l’unico a poter mettere mano al sistema. Le pagine erano preparate una ad una ed allo stesso modo modificate, in caso di necessità.

Le modifiche, date da necessità di vario tipo, erano formalizzate dagli uffici Marketing o Commerciale, comunicate agli sviluppatori che intervenivano sulle pagine. La realizzazione di una vetrina, in questo modo, significava produrre singolarmente ogni pagina relativa ai prodotti e doverla modificare individualmente e manualmente ogni volta che c’era una variazione al listino.

Se vuoi aggiornamenti su Cos'è un CMS? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Cos'è un CMS?

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy