BitTorrent per Linux

10 gennaio 2008

Il trasferimento di file dalla rete è un’operazione che la grande maggioranza degli utenti compie quasi quotidianamente. A volte si ha bisogno di trasferire file di grosse dimensioni, e per questo spesso si fa ricorso a sistemi Peer To Peer. Tra gli svariati strumenti di P2P, uno spazio importante se l’è ritagliato BitTorrent. Questo protocollo si distingue dagli altri per la velocità con la quale è possibile ricevere ed inviare file, con un minore consumo di tempo. Ciò avviene grazie al modo in cui è strutturato BitTorrent: la ricerca di ciò che si ha intenzione di scaricare avviene su un sito web, che fornisce un file .torrent.

Il file, dalle piccole dimensioni, contiene informazioni sulle risorse che andremo a scaricare, oltre che l’ indirizzo di un server, detto tracker. Questo tracker riesce a metterci in contatto con tutti coloro che possiedono quello stesso file o lo stanno scaricando. Durante il download, le parti che sono già state salvate sul nostro computer verranno automaticamente condivise, rendendoci quindi partecipi della diffusione dei file, e rendendo quindi BitTorrent, sotto un certo punto di vista, democratico.

Per utilizzare questo protocollo abbiamo bisogno di un software client, in grado di aprire i file torrent e connettersi ai vari seeder, cioè i client dai quali scaricheremo. In questo articolo analizzeremo quattro client diversi per piattaforme GNU/Linux: Azureus, Deluge, KTorrent e Transmission.

Azureus

Scerenshot di AzureusAzureus è un client per BitTorrent scritto in Java e disponibile per diverse piattaforme di lavoro, tra cui Linux. Rilasciato sotto licenza GPL, è uno dei client più utilizzati. Permette l’ utilizzo di Tor, un sistema di navigazione anonima in rete, e tra le sue caratteristiche vediamo anche la possibilità di installare plugin, e soprattutto un tracker all’ interno stesso del client, che permette la condivisione diretta di file torrent senza doverlo pubblicare su qualche sito e dover usare un server tracker: il nostro computer sarà il luogo dove verrà ospitato il torrent. La lista di plugin disponibili è vastissima, si va da un client IRC alla possibilità di gestire Azureus da remoto via Telnet, HTTP e PHP, passando per plugin per la gestione di feed RSS e per la notifica dei cambi di stato di ogni torrent via Google Talk o Jabber. Essendo scritto in Java, Azureus spesso comporta un grosso uso delle risorse del proprio hardware, per cui può risultare scomodo per computer un pò più datati.

Deluge

Scerenshot di DelugeDeluge è un client per BitTorrent particolarmente apprezzato dagli utenti GNOME. Questo perchè è scritto in PyGTK, avendo quindi una perfetta integrazione con i temi per questo desktop environment, e una leggerezza dovuta al linguaggio Python. Come per molti programmi simili, sono disponibili tanti plugin per estenderne le funzionalità. Una delle comodità di questo client è la possibilità di avere nella stessa finestra informazioni sia sul download sia sull’upload, come la velocità di entrambe le operazioni, i seeder dai quali stiamo scaricando e altro. È possibile, inoltre, scegliere una directory generale nella quale verranno posizionati i file una volta terminato il loro download, oltre che impostare un proxy tramite il quale connettersi sia ai peer sia al tracker. Non dispone ancora di un motore di ricerca per file torrent, ma i già citati plugin permettono di implementare questa feature. Questo client è abbastanza giovane, e lentamente si sta sviluppando e sta avendo un discreto successo tra gli amanti del pinguino.

Se vuoi aggiornamenti su BitTorrent per Linux inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su BitTorrent per Linux

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy