BackBox: penetration test con Linux

21 giugno 2011

In questo articolo vedremo come utilizzare al meglio BackBox Linux, una distribuzione made in Italy orientata al penetration testing. Il progetto nasce dalla necessità di avere un sistema operativo flessibile ed ottimizzato per condurre vari test di sicurezza. Grazie alla sua semplicità di utilizzo si configura come un utile strumento sia per i professionisti del settore, sia per coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della sicurezza informatica. Vediamo brevemente quali sono le principali caratteristiche della distribuzione.

BackBox Linux nella sua versione attuale (1.05) è basata su Ubuntu Lucid e da essa eredita stabilità e robustezza. Un ambiente desktop completo ed un uso semplificato delle risorse la rendono adatta a situazioni in cui la velocità è un fattore cruciale. Di seguito i requisiti minimi richiesti:

  • processore a 32 o 64 bit
  • 256 MB di RAM
  • 2 GB di spazio su disco
  • scheda grafica che supporti la risoluzione di 800×600
  • CD-ROM drive o USB
Modalità Live

Vediamo ora come avviare per la prima volta la nostra BackBox Linux utilizzando la modalità Live e senza dunque compromettere l’integrità dei dati sul nostro Hard Disk. Dopo aver scaricato il file “.iso” dal sito ufficiale masterizziamolo su un normale CD-ROM. All’avvio del PC selezioniamo il boot da CD ed aspettiamo che compaia la seguente schermata sul monitor.

(clic per ingrandire)

menu BackBox

Si possono notare varie voci, le prime cinque servono per avviare la distribuzione in base alla relativa localizzazione. Dopo aver selezionato la lingua italiana basterà aspettare qualche secondo affinché il sistema carichi l’ambiente grafico di BackBox. La modalità Live è utile qualora si vogliano effettuare test senza la necessità di archiviare alcun dato sul disco. Alla chiusura di BackBox tutte le modifiche ed i dati memorizzati durante la sessione andranno persi.

Se vuoi aggiornamenti su BackBox: penetration test con Linux inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su BackBox: penetration test con Linux

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy